Gela (CL) – La Casa del Volontariato, retta esclusivamente da volontari, durante l’emergenza del Covi19 è diventato il luogo della speranza ma anche lo spazio di una <<nuova resistenza>>. Qui tantissimi volontari continuano a dare risposte a famiglie fragili e lo fanno non per adempiere ad un lavoro, ad un ufficio, ad un incarico, nulla di tutto questo. Lo fanno perché credono che un mondo nuovo si costruisce con l’impegno personale e comunitario. In questi anni una moltitudine silenziosa ha lavorato per i più fragili e continua a farlo. Sono tanti i volontari e ciascuno dona il proprio tempo in base a ciò che può; molti sono pensionati ma ci sono anche tanti giovani che si dividono tra lavoro, famiglia e impegno sociale. Da qualche tempo ha sede presso la Casa del Volontariato che è una associazione formalmente costituita,  anche il Coordinamento delle Associazioni di Volontariato. La Casa del Volontariato,  ospita anche una sede territoriale del CeSVoP, struttura di servizio alle organizzazioni, che in questi anni ha svolto un importantissimo lavoro di supporto alle organizzazioni di volontariato del territorio. Questa infrastrutturazione sociale di diversi livelli ha origine nel 2004 quando il MoVI GELA pensa al piano organizzativo e progettuale per LIBERARE il volontariato dal bisogno e dal ricatto politico e fornire così una casa comune per ripensare la città valorizzando i valori di solidarietà contenuti della Costituzione Italiana. La Casa del Volontariato è uno spazio di libertà che insieme alle varie anime contribuisce alla nuova LIBERAZIONE dalle povertà e dalle disuguaglianze sociali.

 

admin

About admin

Leave a Reply